Joseph Capriati anticipa l'uscita del suo nuovo album a settembre.

Aggiornato il: giu 2

Icona del clubbing mondiale, rispettato da big come Dave Clark, Marco Carola, Dubfire, Carl Cox, Adam Beyer, Chris Liebing, Danny Tenaglia e tanti altri, il Dj producer italiano, classe'87, fondatore della label "Redimension" annuncia a settembre l'uscita del suo nuovo album Metamorfosi sulla sua etichetta.

"Non ho assolutamente seguito nessun filone musicale ma mi sono lasciato andare. Certamente il mio subconscio ha riportato alla luce alcuni miei riferimenti musicali preferiti ed è andato a toccare quelle che sono le mie influenze musicali. Ma proprio durante l’album non ho ascoltato nulla: è stata una semplice libera interpretazione di tutto ciò che avevo dentro..." , cosi il noto producer, intervistato da Billolboard.it, preannuncia sonorità nuove e distinte.


Di seguito Vi riportiamo un estratto della citata intervista:


"Perché hai intitolato così l’album che uscirà a settembre?

Metamorfosi è il racconto di un’evoluzione a livello musicale, come produttore soprattutto. Quello che sentirete è il frutto della mia maturazione artistica negli anni: è una metamorfosi perché molte persone non si aspetteranno di ascoltare questo genere di musica da parte mia. Ma credo che sia giusto e doveroso dover dare sfogo a livello artistico a elementi che mi ispirano a 360° e non limitarmi a un solo genere. Non c’è modo migliore di “dar sfogo” alla creatività se non attraverso un album. Quando si parla di EP o di singolo,  si segue più una linea produttiva pensando alla pista da ballo, mentre con un album posso esprimere il mio ego musicale in tutte le sue sfaccettature. Ci ho lavorato per quasi quattro anni perché volevo arrivare a toccare nuovi generi e affinare quello che è il lavoro di Joseph Capriati produttore.


Noi abbiamo sentito l’album in anteprima e Spirit Brothers mi piace molto. Ha questo tocco dub molto berlinese (molto stile Basic Channel/Rhythm & Sound) e c’è Louie Vega che hai utilizzato in maniera sorprendente. Ce ne parli? Spirit Brothers è per me una traccia molto importante, Louie Vega è stato una grande fonte di ispirazione, pensa, sin da quando avevo circa 11 anni! Ed è tutt’ora uno dei miei veri idoli; creare una traccia insieme, andare nel suo studio a New York è stato un sogno ad occhi aperti, un’esperienza per me indimenticabile. Nella stesura di Spirit Brothers, ho cercato di mantenere una linea molto semplice e parlando con lui gli ho proposto di partecipare alla traccia come se fosse il Louie Vega degli anni ’90. Quando si esprimeva con alcune sue dub version impressionanti. Infatti è stato un gran lavoro e penso sia una traccia di classe, dai suoni raffinati ma comunque una traccia da club.


Sempre parlando di collaborazioni hai portato il mitico “neapolitan power” del grande James Senese dentro il brano New Horizon...

Ne sono orgoglioso. La collaborazione con James Senese mi ha fatto maturare molto a livello artistico. La traccia per me è un omaggio a Napoli e alla scena napoletana musicale in generale: rappresenta l’essenza stessa della città. Per me, sono due realtà e due epoche a confronto: James Senese da un lato rappresenta il funk napoletano come pioniere del blues e io dall’altro, con tutta la modernità che rappresento con la musica elettronica. Credo che sia una traccia che richiama il sound di Massive Attack o Tricky, è un po’ anni ’90, c’è un sound speciale con il sax di James e la sua voce black particolarissima, che riproduce dei suoni unici. Sono sicuro che esprimerà il messaggio giusto e credo che sia una sorta di simbolo di questo connubio e sono certo che arriverà dritto al cuore delle persone, soprattutto a Napoli e in Campania in generale.


Cosa ti piaceva mentre preparavi il nuovo album? Voglio dire, avevi un “ventaglio” di riferimenti nei suoni che hai “messo sul banco mixer” e poi li hai rispettati o sei andato altrove? Non ho assolutamente seguito nessun filone musicale ma mi sono lasciato andare. Certamente il mio subconscio ha riportato alla luce alcuni miei riferimenti musicali preferiti ed è andato a toccare quelle che sono le mie influenze musicali. Ma proprio durante l’album non ho ascoltato nulla: è stata una semplice libera interpretazione di tutto ciò che avevo dentro...".

L’album Metamorfosi  sarà inciso anche in vinile. Noi lo attendiamo con ansia. Trovate la versione integrale della intervista sopra citata su: www.billboard.it



14 visualizzazioni