I locali notturni vengono lasciati "scivolare" dal Governo britannico

Michael Kill, amministratore delegato della Night-Time Industries Association, ha dichiarato alla stampa che "c'è molto da prendere" negli interventi normativi di salvataggio per le arti annunciato dal Cancelliere britannico, il quale tuttavia "lascia molti nel nostro settore assediati ”.


Manca, infatti, un intervento serio che riguardi il settore dei locali notturni estremamente colpiti dal COVID-19 e dal conseguente Lookdown.


Kill ha dichiarato: "La maggior parte dei nostri membri non può aprire affatto a causa del distanziamento sociale o può solo aprirsi con una capacità ridotta con conseguenti maggiori perdite finanziarie. È come se il governo ci stesse facendo scivolare attraverso le crepe tra i vari schemi ben intenzionati... Una riduzione dell'IVA quando non riesci ad aprire non è di alcun aiuto. I locali a tarda notte nelle città di tutto il paese stanno affrontando una catastrofe".


Alcuni club del Regno Unito con spazi all'aperto stanno iniziando ad aprire, ma non c'è una data in vista per quanto le attuali restrizioni saranno rimosse garantendo la riapertura totale degli esercizi come in altri paesi europei, come la Svizzera e i Paesi Bassi.


Kill ha anche avvertito che la chiusura dei club non farebbe che aggravare l'ondata di rave illegali attualmente in atto in tutto il paese.


13 visualizzazioni